Skip to content

Accademia Scherma Lia : Partenza per le olimpiadi di Rio

Diario di bordo dei ragazzi autistici di Accademia Scherma Lia a Rio

AIl progetto “Rio 2016” nato dalla collaborazione di “Progetto Aita Onlus” con l’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’ di Roma e’ in piena attivita’. I ragazzi del gruppo dell’Accademia Scherma Lia hanno gia’ assistito alla gara di spada maschile individuale e alle partite di Beach Volley nella mitica spiaggia di Copacabana.
Ieri sono stati ospiti del CONI a Casa Italia, luogo celebrativo delle medaglie olimpiche italiane, dove hanno potuto incontrare campioni del calibro di Fiona May, Alessandra Sensini e Maurizia Cacciatori.
Accade che Luigi Mazzone, neuropsichiatra infantile dell’ospedale Bambino Gesu’, e presidente di Progetto Aita sia anche il mental coach della nazionale di spada, composta da Enrico Garozzo, Paolo Pizzo, Marco Fichera ed Andrea Santarelli. Per loro l’avventura a Rio de Janeiro, dopo l’emozionante cerimonia di apertura, e’ iniziata, e a tifare per loro ci sono anche questi otto bambini che nei giorni precedenti la partenza per il Brasile avevano conosciuto e salutato a Roma.
I ragazzi hanno fra gli 11 e i 16 anni, resteranno a Rio fino al 16 agosto, alloggeranno nei pressi del villaggio olimpico e sono accompagnati dal primario della neuropsichiatria infantile del Bambino Gesu Stefano Vicari, dal neuropsichiatra infantile Giovanni Valeri, dalla psicologa coordinatrice dei summer camp Aita Laura Fatta, dalle psicologhe Giulia Giovagnoli e Lavinia De Peppo e dalla maestra di scherma Irene Ive.
Nei prossimi giorni continueranno ad assistere alle gare olimpiche anche di altri sport, nell’attesa di entrare all’arena Carioca 3 il 14 agosto per sostenere assistere il quartetto italiano di spada maschile nella rincorsa al sogno di una medaglia olimpica.

Articoli Rio 2016

Olimpiadi Rio 2016: si torna a casa

Olimpiadi Rio 2016: si torna a casa Il ritorno da Rio degli spadaccini autistici Sono tornati a casa gli otto ragazzi del “Progetto Rio 2016”. Gli ultimi giorni in Brasile

Accademia Scherma Lia : Partenza per le olimpiadi di Rio

Olimpiadi Rio 2016 : Diario di bordo I ragazzi dell’Accademia Scherma Lia sono in Partenza per Rio Precedente Successivo A breve i ragazzi dell’Accademia Scherma Lia, insieme agli operatori dell’Ospedale

Rio 2016: Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e Accademia Scherma Lia al servizio dei bambini autistici

Rio 2016: Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e Accademia Scherma Lia al servizio dei bambini autistici Otto ragazzi autistici che si recheranno a Rio de Janeiro per assistere alle olimpiadi Precedente

Seguici su instagram

Progetti

Gioco Scherma

La Scuola Arcobaleno aderisce al progetto sperimentale propostoci dall’Associazione Scherma-Lia, che aveva già svolto presso di noi una lezione aperta a tutti gli alunni per un approccio propedeutico alla conoscenza di questo sport.

Progetto Rio 2016

Progetto Rio 2016 «Questa esperienza è pioneristica nel suo genere e in termini di inclusione sociale della disabilità ha dei risvolti importanti. Potrebbe contribuire ad un radicale cambiamento nell’integrazione di

Camp Play Fening

Camp Play Fencing «La scherma è divertente, e da anni sono convinto che i ragazzi debbano comunque essere impegnati in attività sociali che a loro piacciano» ISCRIVITI SITO UFFICIALE CAMP

L’autismo sale in pedana

L’autismo sale in pedana «Credo che la scherma abbia tanto da dare ai ragazzi autistici: incrementa la comprensione dei gesti dell’avversario, che sta a mezzo metro di distanza; sviluppa il